12189574_10207573413430695_1141306791651993314_n

NON E’ FINITA QUI…

…”siamo fatti della stessa materia dei sogni”…

SPETTACOLO D’ATTORE TRAGICOMICO, DI MAGIA E CLOWNERIE

Con: Silvano Melia e Roberto Gerbolés
Testo e regia: Roberto Gerbolés
Musiche: Valerio Rizzotti
Scene: Teatro Blu
Costumi: Maria Barbara De Marco
Responsabile tecnico: Lorenz Ronchi

Bianco e Augusto sono i Clown di circo per antonomasia, archetipi delle dinamiche comiche che si perpetuano nella storia attraverso duetti comici che possiamo vedere in teatro, al cinema o in televisionecome Stanlio e Olio, Totò e Peppino o per l’appunto il Clown Bianco ed il Clown Rosso ovvero l’Augusto, chetroviamo nella tradizione circense e che funge da modello in tutti rapporti asimmetrici che possiamo trovare nei duetti comici.

Bianco e Augusto si trovano in una pista da circo con una tribuna vuota da settimane. Ogni giorno si truccano, si vestono e preparano la scena in attesa che arrivi il pubblico per poter fare il loro spettacolo.

Qui parte la nostra storia, una storia che parla di attesa e smarrimento, di senso di sconfitta ed incomprensione perché, nonostante i nostri protagonisti si trovino nell’impossibilità di svolgere il lorospettacolo rimangono pur sempre essenzialmente un Clown Bianco ed un Augusto.

Ogni giorno Bianco cerca di progettare una fuga, sa di non poter sostenere più alcuna spesa e così ogni giorno prova a scappare. Fuori dalla tenda però ce una fitta nebbia che non gli permette di abbandonare quel posto. A poco a poco scoprirà anche che il suo passato è avvolto nella nebbia e che non si trova lì per caso.

In tutto questo, Augusto, personaggio esilarante e confusionario, cerca di trascinare Bianco nel suoottimismo, a provare e riprovare lo spettacolo “tanto il pubblico prima o poi arriverà… dobbiamo essere pronti”.

La sconfitta e la frustrazione portano i nostri protagonisti a rivedere i loro numeri e a rivisitare la propria storia per scoprire infine che una tragedia li ha portati in questa sorta di limbo…

Un giallo, un percorso comico e onirico dove realtà, sogno e finzione s’intrecciano in un cerchio a spiraleche ci porta infine a capire forse che “si è finiti solo quando si credere di essere finiti”.

 

Scheda Tecnica   /   Presentazione   /   Musiche   /   Gallery Fotografica   /    Video Promo   /   Video Integrale

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi